Portoncini blindati


portoncino blindato

I portoni blindati rappresentano un elemento fondamentale per regalare sicurezza ad un ambiente domestico. I migliori portoncini blindati devono unire forza, resistenza ma anche bellezza e funzionalità. La protezione della vostra casa è fondamentale, ma è importante anche scegliere serramenti che abbiano caratteristiche particolari, che li rendano pratici e funzionali alle vostre esigenze. Oggi è possibile trovare prodotti che uniscono la qualità e la forza, alla cura dei dettagli e l'attenzione al design.

E' dunque di fondamentale importanza scegliere con cura i materiali e affidarsi a prodotti di qualità. Un portoncino blindato, proprio perché destinato all'esterno deve soddisfare esigenze specifiche:

Certificazioni antieffrazioni
I portoncini blindati, come le porte hanno un' anima in acciaio che li protegge dall' eventuale tentativo di scasso. Essendo destinati all'esterno, devono essere resistenti e capaci di sopportare l'usura dovuta agli agenti atmosferici. Ogni produttore utilizza sistemi diversi per costruire un prodotto che sia forte e resistente. Con l'eccezionale domanda di questi sistemi anti effrazione nasce la necessità di stabilire delle norme che siano precise.
Per questo tipo di serramenti c'è una normativa europea che certifica la qualità del prodotto. Le nuove norme "UNI-ENV 1627-30" stabiliscono che le porte e i portoni blindati devono essere sottoposti a prove di tipo reale e standard per essere certificati.

> Standard: sono prove di resistenza di tipo statico e dinamico (resistenza agli urti, alla pressione)
> Reali: riguardano la simulazione dell'attacco da parte di intrusi con vari metodi (dall'utilizzo di scalpelli e martelli a quello di attrezzi elettrici). Solo dopo aver superato questo tipo di prove, si può ottenere la certificazione che il prodotto sia resistente e di qualità.
> Isolamento acustico e termico: per i portoncini blindati è necessario tenere presente il grado di abbattimento dei rumori dall'esterno. Vi sono (anche per questa caratteristica), norme europee che devono certificare il grado di isolamento dal rumore. Si utilizzano vari accorgimenti, tra cui la coibentazione interna, guarnizioni isolanti di vari materiali. Lo stesso vale per il grado di calore medio che passa attraverso la struttura. Vuole indicare il grado di energia che il portoncino blindato disperde: minore è il valore, maggiore è la qualità.

Anche per i portoncini blindati si possono scegliere dei profili in vetro, che non diminuiscono affatto la sicurezza. Si tratta infatti di vetri blindati anti effrazione.

Anche per i vetri utilizzati ci sono diverse classificazioni a seconda della tipologia del vetro utilizzato.
La normativa europea UNI EN 356 distingue due categorie diverse:
- Vetri antivandalismo : sono la categoria più bassa
- Vetri anti effrazione : sono la categoria più sicura perché più spessi.
Alcuni produttori propongono per i loro prodotti anche la certificazione di "porte tagliafuoco" . Anche per questa caratteristica è nata l'esigenza di attenersi ad una normativa che potesse certificare, tramite parametri "scientifici" la loro resistenza al fuoco.

Si tratta di una serie di test a cui i portoncini blindati vengono sottoposti per verificare la loro resistenza:
- Devono essere in grado di resistere ad un incendio da tutti e due lati
- Devono avere un certo grado di resistenza anche dopo essere state invecchiate, tramite procedimenti particolari.

La normativa a cui devono rispondere è la "UNI 9723".
Insomma per fare della sicurezza un valore fondamentale della vostra vita, bisogna essere consumatori consapevoli e capire quanto sia importante scegliere serramenti che rispondano a questo tipo di norme. Solo queste certificazioni garantiscono infatti che il portoncino blindato che state acquistando è un prodotto sicuro, forte, resistente e di qualità.